Serie A 2020-21, 26ª giornata / SAMPDORIA-CAGLIARI 2-2

Beffa in extremis

Una brutta Sampdoria impatta in casa contro un Cagliari che conferma quanto di buono ha mostrato negli ultimi turni, da quando cioè il timone è passato a Leonardo Semplici. A Genova la sfida tra blucerchiati e rossoblù termina in parità: ma se la Samp ha il rammarico del pari subito al 96′, va detto che il successo sarebbe stato immeritato per gli uomini di Ranieri, che nell’arco del match hanno subito l’iniziativa ospite, trovando nell’arco di due minuti, tra il 78′ e l’80’ gli insperati gol del pareggio e del sorpasso.

I sardi sbloccano l’incontro con João Pedro (tredicesimo sigillo stagionale): il brasiliano – che pochi minuti prima aveva impegnato Audero alla super parata (poi vanificata da una posizione di fuorigioco colta in seguito) – approfitta di una difesa doriana imbambolata e tira due volte: la prima conclusione è respinta da Audero, ma il rimpallo favorisce un secondo tentativo, che va invece a buon fine.
La Samp potrebbe pareggiare al 14′: Giacomelli concede un rigore per un fallo di Rugani su Keita, ma il Var lo convince a tornare sui propri passi (viene rilevato un off-side di Quagliarella), annullando pure il giallo sventolato al difensore.

Poi la partita cala di ritmo e l’atteggiamento dei padroni di casa è davvero troppo compassato per poter impensierire Cragno. Nella ripresa Ranieri tenta la carta Ramírez (per Augello), passando al 3-4-1-2. Ma cambia poco. Più fortuna ha la seconda mandata di cambi, con gli inserimenti di Thorsby (per Ekdal) e di Gabbiadini (per il deludente Keita).

Il Cagliari – che viene graziato quando al 57′ a Pavoletti non viene concesso il secondo giallo per un duro intervento su Colley – si abbassa e d’un tratto la partita cambia volto con due marcatori alla prima gioia stagionale: Bereszyński (primo centro in carriera) e Gabbiadini. Il polacco mette la ciliegina su un’ottima prestazione (chiusure provvidenziali su Lykogiannīs e João Pedro) con un destro potente da posizione defilata che non lascia scampo a Cragno; l’italiano, servito da Quagliarella, segna con una bomba da fuori area.

Da ancor più lontano, però, trova il gol Radja Nainggolan, anche per lui prima rete stagionale: quando ormai il 2-1 per il Doria sembrava un risultato acquisito (Semplici si era già girato verso la sua panchina e si era messo la giacca come per guadagnare la via degli spogliatoi), il belga indovina un destro da fuori che batte Audero, con la decisiva deviazione di Yoshida. Siamo al sesto minuto di recupero (erano inizialmente tre, ma lo scontro tra Ferrari e Pavoletti ha costretto l’arbitro a raddoppiarli).

Finisce 2-2: un pari amaro, ma giusto. Il Cagliari pesca il settimo punto (su nove) con la nuova guida tecnica. Dall’altra parte, se queste ultime gare servivano a capire “cosa vuole fare questa squadra da grande” (parole di Ranieri), la Samp rimanda l’esame di maturità. Con una classifica così tranquilla, i liguri potrebbero osare un po’ di più, senza scendere in campo con un ritmo così basso e un gioco così lento. E speriamo che Ranieri trovi qualche trucco per motivare i suoi ragazzi: giocare in ciabatte una fetta così lunga di campionato (dodici giornate ancora da disputare) sarebbe solo una noiosa agonia per chi segue questi colori.

IL TABELLINO

Serie A 2020-21, 26ª giornata
Genova (stadio Luigi Ferraris), domenica 7 marzo, ore 18
SAMPDORIA-CAGLIARI 2-2 PT: 0-1
11′ pt João Pedro; 33′ st Bereszyński, 35′ st Gabbiadini, 51′ st Nainggolan
 
SAMPDORIA (4-4-2) CAGLIARI (3-5-2)
1 Emil AUDERO   28 Alessio CRAGNO  
24 Bartosz BERESZYŃSKI   23 Luca CEPPITELLI  
25 Alex FERRARI   2 Diego GODÍN  
15 Omar COLLEY   24 Daniele RUGANI ◀ 42′ st
3 Tommaso AUGELLO ◀ 1′ st 18 Nahitan NÁNDEZ  
87 Antonio CANDREVA ◀ 43′ st 8 Răzvan MARIN ◀◀ 42′ st
5 ADRIEN SILVA   32 Alfred DUNCAN  
6 Albin EKDAL ◀ 18′ st 4 Radja NAINGGOLAN  
14 Jakub JANKTO   22 Charalampos LYKOGIANNĪS ◀ 48′ st
27 Fabio QUAGLIARELLA (c) ◀◀ 43′ st 10 JOÃO PEDRO (c) ◀ 30′ st
10 KEITA BALDÉ ◀◀ 18′ st 30 Leonardo PAVOLETTI  
 
In panchina: In panchina:
30 Nicola RAVAGLIA   1 Simone ARESTI  
8 Valerio VERRE   31 Guglielmo VICARIO  
11 Gastón RAMÍREZ ▶ 1′ st 3 Alessandro TRIPALDELLI  
16 Kristoffer ASKILDSEN   9 Giovanni SIMEONE ▶ 30′ st
18 Morten THORSBY ▶ 18′ st 14 Alessandro DEIOLA  
19 Vasco REGINI   15 Ragnar KLAVAN  
20 Antonino LA GUMINA   16 Arturo CALABRESI ▶ 42′ st
21 Lorenzo TONELLI   19 Kwadwo ASAMOAH  
22 Maya YOSHIDA ▶ 43′ st 20 Gastón PEREIRO ▶▶ 42′ st
23 Manolo GABBIADINI ▶▶ 18′ st 25 Gabriele ZAPPA  
26 Mehdi LÉRIS   27 Alberto CERRI ▶ 48′ st
38 Mikkel DAMSGAARD ▶▶ 43′ st      
 
ALL. Claudio RANIERI ALL. Leonardo SEMPLICI
 
ARBITRO: Piero GIACOMELLI di Trieste
NOTE: ammoniti Godín, Pavoletti, Colley, Lykogiannīs, Gabbiadini, Yoshida e Thorsby; recupero: 1′ pt, 6′ st; gara giocata a porte chiuse per l’emergenza Coronavirus
DIVISE: Sampdoria in maglia blu, pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi; Cagliari in maglia gialla, pantaloncini gialli e calzettoni gialli

LA GIORNATA

I risultati:
sabato 6 marzo, ore 15: Spezia-Benevento 1-1; ore 18: Udinese-Sassuolo 2-0; ore 20.45: Juventus-Lazio 3-1; domenica 7 marzo, ore 12.30: Roma-Genoa 1-0; ore 15: Crotone-Torino 4-2, Fiorentina-Parma 3-3, Verona-Milan 0-2; ore 18: Sampdoria-Cagliari 2-2; ore 20.45: Napoli-Bologna 3-1; lunedì 8 marzo, ore 20.45: Inter-Atalanta 1-0.

La classifica:
Inter 62; Milan 56; Juventus* 52; Roma 50; Atalanta 49; Napoli* 47; Lazio* 43; Verona 38; Sassuolo* 36; Sampdoria e Udinese 32; Bologna 28; Genoa 27; Fiorentina, Spezia e Benevento 26; Cagliari 22; Torino** 20; Parma 16; Crotone 15.
**Il Torino ha due partite in meno; Juventus, Napoli, Lazio e Sassuolo hanno una partita in meno.

LE FOTO