Serie A 2021-22, 1ª giornata / SAMPDORIA-MILAN 0-1


Ancora una falsa partenza

Ancora una falsa partenza per la Sampdoria, che per la quarta stagione consecutiva comincia il proprio campionato con una sconfitta. A Marassi, il Milan fa suo il posticipo con un gol al 9′ di Brahim Díaz. L’undici di Pioli risponde alle altre grandi, che – a parte la Juventus – hanno vinto tutte. La Samp, nonostante la sconfitta, può essere soddisfatta per la prestazione: l’undici di D’Aversa è stato propositivo e si è giocato le sue carte, non riuscendo a trovare la via del gol. È evidente che manchi ancora qualcosa a questa squadra. In avanti c’erano due soli attaccanti convocati, Quagliarella e Gabbiadini, col secondo che è pure uscito per infortunio (Caprari è stato messo fuori rosa per non essersi ridotto lo stipendio, Torregrossa era ko). E così, dalla panchina, il neotecnico blucerchiato ha potuto pescare, tra i giocatori offensivi, il solo Verre, che è entrato con un buon piglio, procurandosi anche un paio di occasioni.

Bella gara, quella andata in scena al Ferraris. Le due compagini hanno dato un ritmo alto al gioco e il punteggio è stato in bilico fino alla fine. Il Milan (che arrivava a Marassi con le pesanti defezioni degli indisponibili Ibrahimović e Kessié) ha avuto il merito di sbloccare presto la partita e di nascondere a lunghi tratti la sfera agli avversari; il gol partita, alla fine, è arrivato sugli errori di due uomini, Augello e Audero. Il terzino, con un errore di lettura, ha spianato la strada a Calabria sulla corsia di destra; il portiere non è sembrato irresistibile sulla conclusione del numero 10 rossonero.

Indicazioni sparse da questa prima di campionato: la coppia Yoshida-Colley ha offerto molte più garanzie rispetto a quella Chabot-Murillo vista contro l’Alessandria (e Giroud non era certo facile da contenere); in avanti si sono viste discrete trame di gioco, pur mancando il guizzo finale; Thorsby è stato onnipresente in mezzo al campo e bisogna assolutamente tenerlo, respingendo le offerte che arriveranno negli ultimi giorni del mercato; la squadra è passata dal 4-2-3-1 al 4-4-2 ridisegnandosi a gara in corso e rendendo la vita difficile alla squadra di Pioli. Serve ancora qualche elemento davanti, anche perché in settimana è stato venduto Jankto, che, sebbene non facesse sfracelli, era un titolare. E in attacco, i doriani sono scarsi numericamente. Speriamo che per Gabbiadini non sia un infortunio grave, anche se le lacrime del numero 23 a bordo campo lasciano col fiato sospeso. Non sufficienti – oltre ai citati Augello e Audero – le prove di Candreva e Damsgaard sugli esterni (poche occasioni e diversi palloni mal giocati), così come non si è visto quasi mai Quagliarella, ben neutralizzato dalla coppia Tomori-Kjær. Il capitano dei genovesi non è riuscito ad onorare al meglio la patch che tutta la Samp aveva sulla manica, in cui si sottolineavano le 100 reti segnate con il club.

In casa Milan, ottima prestazione per il portiere Maignan, bravo sulla punizione di Gabbiadini, ma soprattutto decisivo con i suoi rinvii da regista, come quelli da cui sono nati l’occasione in avvio per Leão e l’azione del gol che ha deciso la sfida. E promozione ottenuta anche per Calabria (alla prima da capitano), pericoloso sulla sua fascia, e per il match-winner Brahim Díaz, che ha offerto qualità alle spalle del francese Giroud.

Per chiudere, ecco tutti gli episodi clou della partita:

5′: prima occasione del match, con Rafael Leão servito direttamente da un rinvio lungo del portiere Maignan: Audero devia in angolo la conclusione del portoghese.
9′: il Milan sblocca la partita con un’azione nata di nuovo da un rinvio di Maignan, che serve Calabria. Il terzino rossonero vince il duello con Augello e gli scappa via, guadagnando il fondo e servendo un pallone a centro area per Brahim Díaz, che calcia di prima, battendo un incerto Audero, che tocca senza trattenere.
13′: primo acuto doriano: Candreva ci prova con un tiro-cross, ma nessuno si fa trovare pronto.
18′: Samp pericolosa con Gabbiadini su punizione: Maignan vola e para, con l’aiuto della traversa.
26′: Theo Hernández calcia da fuori, Audero para, Krunić sulla ribattuta colpisce l’esterno della rete.
51′: chance per Gabbiadini, che scippa palla a Hernández e impegna da posizione defilata un attento Maignan.
61′: Calabria cerca gloria da fuori area: il suo sinistro finisce alto.
69′: cominciano i cambi. Dentro Rebić e Bennacer, fuori Leão e Díaz.
70′: cambia anche D’Aversa: Verre sostituisce Gabbiadini, infortunatosi alla caviglia e uscito in lacrime; Murru subentra ad Augello.
78′: provvidenziale salvataggio aereo di Bereszyński, che anticipa Giroud.
81′: arriva il debutto in maglia rossonera per il campione d’Europa Florenzi, che va a prendere il posto di Saelemaekers.
84′: grande salvataggio di Tonali che rimedia ad un errore di Bennacer, che si era fatto strappare il pallone al limite dell’area.
86′: ghiotta chance per Verre all’altezza del dischetto: troppo lento a girarsi, viene murato.
87′: Candreva di potenza prova un tiro-cross ma Verre non riesce a correggere. Doppia occasione in un minuto per il neoentrato.
93′: Adrien Silva perde palla davanti all’area, Rebić ne approfitta per scoccare un tiro che finisce sul fondo di poco.

IL TABELLINO

Serie A 2021-22, 1ª giornata
Genova (stadio Luigi Ferraris), lunedì 23 agosto 2021, ore 20.45
SAMPDORIA-MILAN 0-1 PT: 0-1
9′ pt Díaz
 
SAMPDORIA (4-2-3-1) MILAN (4-2-3-1)
1 Emil AUDERO   16 Mike MAGNAIN  
24 Bartosz BERESZYŃSKI   2 Davide CALABRIA (c) ◀ 43′ st
15 Omar COLLEY   24 Simon KJÆR  
22 Maya YOSHIDA   23 Fikayo TOMORI  
3 Tommaso AUGELLO ◀ 26′ st 19 Theo HERNÁNDEZ  
2 Morten THORSBY   8 Sandro TONALI  
6 Albin EKDAL ◀ 41′ st 33 Rade KRUNIĆ  
87 Antonio CANDREVA   56 Alexis SAELEMAEKERS ◀ 36′ st
23 Manolo GABBIADINI ◀◀ 26′ st 10 Brahim DÍAZ ◀ 24′ st
38 Mikkel DAMSGAARD   17 RAFAEL LEÃO ◀◀ 24′ st
27 Fabio QUAGLIARELLA (c)   9 Olivier GIROUD  
 
In panchina: In panchina:
30 Nicola RAVAGLIA   1 Ciprian TĂTĂRUȘANU  
33 Wladimiro FALCONE   77 Alessandro PLIZZARI  
4 Julian CHABOT   4 Ismaël BENNACER ▶ 24′ st
5 ADRIEN SILVA ▶ 41′ st 5 Fodé BALLO-TOURÉ  
8 Valerio VERRE ▶▶ 26′ st 7 Samu CASTILLEJO  
12 Fabio DEPAOLI   12 Ante REBIĆ ▶▶ 24′ st
16 Kristoffer ASKILDSEN   13 Alessio ROMAGNOLI ▶ 43′ st
21 Lorenzo TONELLI   20 Pierre KALULU  
25 Alex FERRARI   25 Alessandro FLORENZI ▶ 36′ st
29 Nicola MURRU ▶ 26′ st 26 Tommaso POBEGA  
70 Simone TRIMBOLI   27 Daniel MALDINI  
      46 Matteo GABBIA  
 
ALL. Roberto D’AVERSA ALL. Stefano PIOLI
 
ARBITRO: Marco GUIDA di Torre Annunziata
NOTE: ammoniti Gabbiadini, Kjær, Murru e Bereszyński; recupero: 2′ pt, 4′ st; gara giocata con il 50% di capienza per l’emergenza Coronavirus; inizialmente l’arbitro designato per la partita era Michael Fabbri di Ravenna (il 21 agosto c’è stato il cambio di designazione)
DIVISE: Sampdoria in maglia blu, pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi; Milan in maglia a strisce rossonere, pantaloncini neri e calzettoni neri

LA GIORNATA

I risultati:
sabato 21 agosto, ore 18.30: Inter-Genoa 4-0, Verona-Sassuolo 2-3; ore 20.45: Empoli-Lazio 1-3, Torino-Atalanta 1-2; domenica 22 agosto, ore 18.30: Bologna-Salernitana 3-2, Udinese-Juventus 2-2; ore 20.45: Napoli-Venezia 2-0, Roma-Fiorentina 3-1; lunedì 23 agosto, ore 18.30: Cagliari-Spezia 2-2; ore 20.45: Sampdoria-Milan 0-1.

La classifica:
Inter, Lazio, Roma, Napoli, Bologna, Sassuolo, Atalanta e Milan 3; Cagliari, Juventus, Spezia e Udinese 1; Verona, Salernitana, Torino, Sampdoria, Empoli, Fiorentina, Venezia e Genoa 0.

LE FOTO