Serie A 2022-23, 5ª giornata / VERONA-SAMPDORIA 2-1

Spina staccata

Seconda trasferta, seconda sconfitta. Dopo Salerno, il Doria cade anche a Verona. E lo fa in modo doloroso, buttandosi via nel giro di cinque minuti, alla fine del primo tempo. Un black-out a ridosso dell’intervallo, che vanifica la buona prestazione offerta fino a quel momento e il vantaggio ottenuto con uno strepitoso tiro a giro di Ciccio Caputo (bella girata contro Dawidowicz e conclusione imprensibile per Montipò): prima un’autorete di Audero (colpo di testa di Henry su traversone di Terracciano, traversa, palla che batte sulla spalla del portiere e rete) e poi un gol dell’indiavolato scozzese Doig (gol in ribattuta su una parata di Audero su Lasagna e dopo un tremendo buco difensivo della Samp) mandano in estasi l’undici di Cioffi, che ottiene il primo successo del suo campionato. Rimandato ancora una volta, invece, l’appuntamento con i tre punti per i blucerchiati.

Per l’occasione, Giampaolo ha accantonato il 4-1-4-1 delle prime uscite per tornare al 4-3-1-2, che è un po’ il suo marchio di fabbrica. E in campo, nell’undici titolare, ha mandato tutti elementi che c’erano anche lo scorso anno. Dopo un primo tempo ben giocato, con una Samp attenta, ordinata e ben messa in campo, c’è stata una ripresa arrendevole, senza idee, senza verticalizzazioni e senza occasioni, se si escludono una chance capitata a Caputo nel recupero e terminata sul fondo. Troppo poco, specie dopo un primo tempo che aveva dato sensazioni positive. Sin troppo palese che il tremendo uno-due di fine primo tempo sia stato lo spartiacque della gara. Una botta da cui la Samp non si è ripresa, nonostante ci fosse un intero tempo da giocare. E proprio questo atteggiamento remissivo è la peggior notizia del pomeriggio del Bentegodi. Sì, perché nei secondi 45′ il migliore in campo è stato Audero, determinante su Lazović, Doig, Veloso e ancora Lazović. Senza la buona giornata del portiere – quasi paradossale dirlo, visto che è nel tabellino per un’autorete, sulla quale comunque non ha colpe – la Samp avrebbe potuto vivere una nuova Salerno.

Ma anche con la sconfitta di misura, l’umore è sotto i tacchi in casa Doria: due punti in cinque gare, frutto di due pareggi e tre sconfitte. La squadra proprio non riesce a sbloccarsi e dopo buone prestazioni contro le grandi, manca sempre la prova del nove per dimostrare la crescita della squadra. E all’orizzonte c’è il Milan…

I migliori in campo. Doig: il classe 2002 ha creato scompiglio sulla sinistra e si porta a casa il primo gol in Serie A. Lazović: offre belle giocate e va vicino al gol, dove solo un super Audero gli dice no. Audero: non ha colpe sulle reti subite, mentre nella ripresa tiene a galla la Samp da solo. Rincón: è l’ultimo a mollare e confeziona il secondo assist consecutivo, servendo Caputo sul gol.

I peggiori. Bereszyński: perde il duello contro Doig e vive un pomeriggio difficile. Ferrari: si fa superare da Henry sul primo gol, perde la posizione sul secondo. Sabiri: schierato alle spalle del duo Caputo-Quagliarella, non si vede praticamente mai e nel finale viene tolto per Pussetto, alla prima con la Samp. Dawidowicz: il polacco è responsabile sul gol sampdoriano, ma in generale soffre e la sua gara dura solo un tempo.

IL TABELLINO

Serie A 2022-23, 5ª giornata
Verona (stadio Marcantonio Bentegodi), domenica 4 settembre 2022, ore 18
VERONA-SAMPDORIA 2-1 PT: 2-1
40′ pt Caputo, 44′ pt aut. Audero, 48′ pt Doig
VERONA (3-5-2) SAMPDORIA (4-3-1-2)
1 Lorenzo MONTIPÒ 1 Emil AUDERO
27 Paweł DAWIDOWICZ ◀ 1′ st 24 Bartosz BERESZYŃSKI ◀ 27′ st
6 Isak HIEN   25 Alex FERRARI  
42 Diego COPPOLA   15 Omar COLLEY  
24 Filippo TERRACCIANO ◀ 40′ st 3 Tommaso AUGELLO  
14 Ivan ILIĆ ◀ 28′ st 8 Tomás RINCÓN  
4 Miguel VELOSO (c) ◀◀ 40′ st 14 Ronaldo VIEIRA ◀◀ 27′ st
8 Darko LAZOVIĆ   5 Valerio VERRE ◀ 14′ st
3 Josh DOIG   11 Abdelhamid SABIRI ◀ 34′ st
9 Thomas HENRY   27 Fabio QUAGLIARELLA (c) ◀◀ 14′ st
11 Kevin LASAGNA ◀◀ 28′ st 10 Francesco CAPUTO  
In panchina: In panchina:
16 Mattia CHIESA   30 Nicola RAVAGLIA  
34 Simone PERILLI   2 Bruno AMIONE  
5 Marco FARAONI   4 Gonzalo VILLAR ▶▶ 27′ st
7 Simone VERDI   7 Filip ĐURIČIĆ ▶ 14′ st
10 Ajdin HRUSTIC   13 Andrea CONTI  
17 Federico CECCHERINI   18 Ignacio PUSSETTO ▶ 34′ st
18 Martin HONGLA ▶ 40′ st 21 Jeison MURILLO  
19 Milan ĐURIĆ   23 Manolo GABBIADINI ▶▶ 14′ st
21 Koray GÜNTER ▶ 1′ st 28 Gerard YEPES  
29 Fabio DEPAOLI ▶▶ 40′ st 29 Nicola MURRU  
30 Yayah KALLON ▶▶ 28′ st 37 Mehdi LÉRIS ▶ 27′ st
32 Juan David CABAL        
61 Adrien TAMEZE ▶ 28′ st      
72 Alessandro CORTINOVIS        
77 Ibrahim SULEMANA        
ALL. Gabriele CIOFFI ALL. Marco GIAMPAOLO
ARBITRO: Paolo VALERI di Roma
NOTE: ammoniti Sabiri, Ilić, Colley ed Henry; recupero: 4′ pt, 5′ st
DIVISE: Verona in maglia blu, pantaloncini blu e calzettoni blu; Sampdoria in maglia bianca, pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi

LA GIORNATA

I risultati:
sabato 3 settembre, ore 15: Fiorentina-Juventus 1-1; ore 18: Milan-Inter 3-2; ore 20.45: Lazio-Napoli 1-2; domenica 4 settembre, ore 12.30: Cremonese-Sassuolo 0-0; ore 15: Spezia-Bologna 2-2; ore 18: Verona-Sampdoria 2-1; ore 20.45: Udinese-Roma 4-0; lunedì 5 settembre, ore 18.30: Monza-Atalanta 0-2, Salernitana-Empoli 2-2; ore 20.45: Torino-Lecce 1-0.

La classifica:
Atalanta 13; Napoli e Milan 11; Udinese, Roma e Torino 10; Juventus e Inter 9; Lazio 8; Salernitana, Fiorentina e Sassuolo 6; Verona e Spezia 5; Empoli 4; Bologna 3; Lecce e Sampdoria 2; Cremonese 1; Monza 0.

LE FOTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.